Per visualizzare correttamente questo contenuto devi installare Adobe Flash Player, clicca qui!

  • Alpino dell'Anno
  • Fotografie

    Get the Flash Player to see the slideshow.

Accedi

42° Premio “l’Alpino dell’anno 2015″

Invasione di penne nere a Loano (SV)

17, 18, 19 giugno, tre giorni che hanno reso Loano una Città Alpina, addobbata a festa con bandiere e striscioni, gli Alpini del Gruppo locale indaffarati da mesi per accogliere al meglio i premiati e gli ospiti, i giornali che per una settimana hanno riportato programmi e commenti entusiastici sulle Penne Nere, su quanto hanno fatto e fanno tuttora e sull’evento per il quale la Sezione ANA di Savona ha organizzato tutto ciò: il 42° Premio Nazionale “l’Alpino dell’Anno 2015”.

Se si scorrono i nomi dei premiati succedutisi negli anni si trovano Alpini noti  (tra i quali il Presidente Nazionale Nando Caprioli) ed altri noti solo nelle loro Sezioni di appartenenza; tutti hanno rappresentato più che degnamente l’Associazione Nazionale Alpini, i suoi valori, la sua riservatezza nel non sbandierare ai quattro venti quanto di bello e di positivo ha saputo costruire per i meno fortunati, la sua prontezza nell’accorrere in caso di calamità naturali, il suo supporto alle amministrazioni locali e tanto altro.

Questo è lo spirito del Premio, istituito nel 1974 dal Presidente Siccardi, voluto e perpetuato negli anni dalla Sezione di Savona, dai suoi Presidenti e da tutti gli Alpini. E’ un Premio molto sentito, si aspetta ogni anno la sua consegna; da quando si è deciso di consegnarlo un anno in città e due in provincia i Gruppi fanno a gara per farselo assegnare, mettono in campo uomini e mezzi, perché i premiati trovino un ambiente Alpino che li metta a loro agio e che faccia loro vivere delle giornate indimenticabili. Quest’anno Loano e il suo Gruppo non si sono certamente smentite.

Si è iniziato l’11 giugno con l’apertura della Mostra “cento anni dalla Grande Guerra”, allestita nei saloni del Palazzo Comunale, che è continuata per tutta la settimana; mostra molto visitata e che ha destato notevole interesse, specie nei giovani.

Il 17 sera si è inaugurata la sede del Rancio Alpino presso i Frati Cappuccini,  proseguito con ottimi risultati il 18 e il 19. In serata un folto pubblico ha assistito con attenzione e partecipazione all’esibizione dei Cori sez.li Monte Greppino e “sulle note del lago” di Osiglia nella chiesa di S. Giovanni.

Sabato 18 in pomeriggio la Fanfara sez.le Monte Beigua ha tenuto un concerto itinerante per le vie cittadine, molto apprezzato dai cittadini e dai molti turisti presenti. Momenti toccanti quando si sono depositati dei mazzi di fiori alla stele posta in ricordo dei 5 Alpini caduti in Afghanistan e al monumento agli Alpini.

La sera era in programma il riuscitissimo concerto canoro al parco dei Principi del Coro Monte Cauriol di Genova,  conosciuto in Italia e all’estero. Nel frattempo sul lungomare la Fanfara dei congedati della Brigata Alpina Orobica intratteneva un folto pubblico, in maggioranza turisti, con sonate alpine e di montagna. Al termine del concerto la Fanfara si è recata sul palco del parco per terminare una serata memorabile.

Domenica 19, ”il lungo giorno delle penne nere”, come ha titolato un giornale nazionale, è iniziato con l’ammassamento; la sfilata ha sostato al monumento ai Caduti e poi, tra due ali di folla, ha proseguito sino alla piazza del Comune, che ben si presta per la sua imponenza  a valorizzare i premiati. Senza esagerare, si poteva pensare di essere di nuovo al Raduno di Raggruppamento di nove anni fa, che resterà per sempre nei cuori dei Loanesi e non solo, per le migliaia di penne nere e di accompagnatori accorsi da ogni parte d’Italia e pure dalla Francia. Numerosi i Vessilli delle sezioni e i gagliardetti dei gruppi, oltre ai gonfaloni dei Comuni e della Regione Liguria, del Labaro del Nastro Azzurro che precedeva quelli delle Associazioni d’Arma.

La S. Messa è stata celebrata dal Vicario zonale don Edmondo, ormai adottato dal Gruppo di Loano per la sua disponibilità, per la sua passione per gli Alpini, che ha rimarcato quanto essi rappresentino nel mondo civile, in Italia e all’estero.

A seguire tutti in piazza per l’attesa cerimonia della consegna dei Premi (le motivazioni sono riportate a parte).

Momenti vissuti in un’atmosfera densa di commozione, vissuti dalle numerose Autorità Civili e Militari, dagli Alpini di Savona, del Piemonte  e di altre Sezioni, dalla rappresentanza delle Truppe Alpine con in testa il Gen. D. Marcello Bellacicco. dal folto pubblico accorso per vivere assieme agli Alpini momenti di amicizia, di amor patrio e,  perché no, di festa. Discorsi ufficiali tenuti dal Capogruppo di Loano Santini, dal Presidente Sez.le G.Mario Gervasoni, che ha ricordato il fondatore del Premio Siccardi e quanti sono stati premiati nelle 42 edizioni, portandoli ad simboli di vita e di volontariato. A seguire il sempre toccante intervento dell’ ”Amico” Vaccarezza, ora Consigliere regionale e quello del Presidente del Consiglio regionale Bruzzone. Il Gen. Bellacicco ha poi strappato qualche lacrima e numerosi battimani entrando nel merito delle motivazioni, additando gli Alpini premiati come esempio per tutti i cittadini. Ha chiuso i discorsi delle Autorità il neo Vicepresidente nazionale Massimo Curasì, sicuramente emozionato come tutti, che ha portato i saluti della presidenza e dei colleghi che non hanno potuto essere a Loano per altri importanti impegni istuzionali.

Finita la premiazione e dopo la rituale ammainabandiera via tutti dai Frati per il rancio, sotto un sole che ha reso la giornata estiva prima e un po’ di pioggia poi, ma sempre genuinamente alpina e per molti indimenticabile.

Arrivederci alla 43^ edizione delPremio nel 2017 !

G.Mario Gervasoni

 

Alp. Oreste Pastor

M.llo Luogotenente Enrico Lillo

Alp. Giacomo Arcuri

Alp. Sassetti

Alp. Parodi

Sempre Alpin n. 1-2016

Pubblichiamo la versione elettronica del giornalino sezionale n 1/2016

Clicca qui per scaricare “Sempre Alpin N. 1-2016″

Alpino Albino Carbone, Presente!

E’ con dispiacere che annunciamo che l’Alpino Albino Carbone, classe 1919, reduce di Francia, Albania e Russia, alpino della Divisione Cuneense, Battaglione Ceva, è andato avanti.

Le esequie si sono svolte sabato 21  presso la Basilica di San Giovanni Battista a Finale Ligure – Marina alla presenza di un folto pubblico e di numerosi Alpini.

ADUNATA NAZIONALE DI ASTI 15.5.2016

Complimenti ai Gruppi e agli Alpini della Sezione!…eravamo in tanti!

Grazie anche ai numerosi Sindaci che ci hanno accompagnato nella lunga sfilata.

Video e foto sul sito www.ana.it

 

 

Leggi tutti gli articoli della sezione NEWS